lunedì 15 maggio 2017

Pasta integrale con radicchio e speck


70 g di pasta integrale
200 g radicchio trevigiano
1 scalogno o una cipollina
30 g speck   
1 cucchiai di latte
1 cucchiaio olio extravergine di oliva (evo)
sale pepe
20 g parmigiano o pecorino (facoltativo)

Mentre l’acqua bolle, mettete in una padella lo scalogno tritato con qualche cucchiaio di acqua, lasciate appassire, poi unite il radicchio lavato e tagliato a striscioline con pochissimo sale. Mettete il coperchio e lasciate appassire la verdura con la sua umidità: bastano 5 minuti, unite lo speck e fate insaporire ancora un attimo (senza farlo cuocere perché altrimenti diventa molto salato). Frullate metà del radicchio con circa 4 cucchiai di latte, disponete la crema sul fondo del piatto di portata, il rimanente in una padella. Fate cuocere la pasta al dente, mettete nella padella due cucchiai dell’acqua di cottura e due di latte, l’olio, scolate la pasta e fatela saltare in padella mescolando bene. Servite con una spolverata di pepe macinato al momento e volendo, con qualche scaglia di parmigiano o pecorino tagliato al velo.

Commento nutrizionale di Silvia


È una ricetta elaborata, ricca, profumata, molto autunnale. Può essere usata anche come piatto unico vista la presenza di affettato e formaggio. Gli intolleranti e i vegani possono sostituire il latte con l’acqua di cottura della pasta, dato che ha solo la funzione di “addolcire” il gusto un po’ amarognolo della verdura. Il radicchio fa parte della famiglia delle cicorie, piante che con i loro principi amari stimolano le funzioni digestive.
Di norma è sconsigliato l’abbinamento di carne e pasta nello stesso pasto: se mangiati insieme rallentano la digestione. In questo piatto la presenza di carne è molto ridotta quindi basta il radicchio a risolvere il problema.
Da completare con una bella insalata o della verdura cotta, una fetta di speck su un crostino di pane, per non mischiare troppi sapori nello stesso pasto.